STORIA POSTALE - COME MISURARE L'ORA

 

Controllando diversi moduli telegrafici utilizzati nei primi anni del Regno, si può notare che i primissimi modelli riportano fra le altre la dicitura "l'ora si calcola dal meridiano di Firenze...." ; negli anni successivi la stessa frase fa riferimento al meridiano di Roma e successivamente si parla del meridiano medio d'Europa.
Ho così scoperto che nel 1884 fu convocata dal presidente degli Stati Uniti una Conferenza Internazionale per concordare un meridiano ufficiale accettato da tutti gli stati cioè "Il Meridiano Internazionale", giacchè fino ad allora la maggior parte delle nazioni consideravano il meridiano 0 (zero o primo meridiano) quello che passava per l'osservatorio principale del paese. Si ebbero così per molti anni i Francesi che calcolavano l'ora con il meridiano di Parigi, gl'Inglesi quello di Greenwich, gli Spagnuoli quello di Cadice e gli Statunitensi quello di Washington ecc..

Dopo che la crescita del sistema economico e degli scambi commerciali avevano "obbligato" le nazioni a scegliersi un unico sistema postale, le difficoltà create da un sistema non omogeneo del calcolo dell'ora, obbligò gli stati a scegliersi il MERIDIANO MEDIO EUROPEO o meridiano di riferimento internazionale.

I convocati a Washington scelsero di comune accordo Greenwich come Meridiano Medio Europeo. L'Italia partecipante ritenne utile aderire alla proposta e sottoscrisse il trattato; in forza della sua accettazione dovette cambiare la frase scritta su tutti i documenti telegrafici che richiedevano (anche per questioni di rilevanza legale) l'apposizione dell'ora di arrivo e di partenza come da norme U.P.U.

Sui primi documenti emessi per il recapito dei telegrammi, il Mod. 41bis , è infatti riportata la frase: "Le ore si contano sul meridiano di Firenze...." (quando Firenze divenne capitale si fece costruire l'osservatorio di Arcetri ) . Sul successivo modulo telegrafico Mod. 41 (di tipo orizzontale) la frase cambia in: "Le ore si contano sul meridiano di Roma...." (infatti dopo il 20 Settembre 1870 con l'occupazione di Roma poi divenuta capitale l'osservatorio di riferimento fu quello di Monte Mario ex pontificio), per poi cambiare dopo il 1884 in "Le ore si contano sul meridiano corrispondente al tempo medio dell'Europa centrale..." (osservatorio di Greenwich).

Cliccare per ingrandire
Modulo postale con l'ora di Firenze
Modulo telegrafico di tipo verticale da inserire in busta, utilizzato nel 1868 riporta l'ora di Firenze.
.
Modulo postale con l'ora di Roma
Modulo telegrafico di tipo orizzontale anch'esso da inserire in busta utilizzato nel 1875 riporta l'ora di Roma.
.
Modulo postale con l'ora media dell'Europa Centrale
Il modulo telegrafico da ripiegare e sigillare in vari modi, utilizzato nel 1906 riporta l'ora media dell'Europa Centrale.